Il mio passaggio a vegan

image
La prima cosa che ho eliminato e’ stata la carne…dopo qualche mese anche il pesce (a seguito di una vicenda in mare), poi i latticini…ma ho continuato a mangiare uova per circa un mese. Le adoravo e credevo di non potermene staccare fino a quando non sono venuta a scoprire cosa si nasconde negli allevamenti di galline.
Come ogni cambiamento preso con coscienza ho voluto documentarmi durante il mio breve percorso sui rischi e vantaggi per la mia salute se avessi eliminato tutti i prodotti animali dalla mia dieta…fu una bellissima scoperta poter apprendere che sarei stata ancora più in salute e senza uccidere nessuno cibandomene. Siamo cresciuti credendo a chi ci vuole bene, a chi ci ha cresciuto con amore dicendoci che la nostra dieta e’ onnivora, ci siamo fidati, ci hanno detto che la carne fa bene, fa buon sangue, le uova pure (quanti zabaioni ho mangiato prima delle gare di atletica!) e che il latte ci rinforza le ossa.
Sono sempre stata molto amante degli animali e nell’arco della mia vita ho mangiato solo 3 tipi di carne: maiale, pollo e manzo. Alcuni animali mi facevano più compassione di altri (non bello da dirsi lo so), soprattutto i cuccioli e mi sono sempre rifiutata sin da bambina di mangiarli. Probabilmente avevo già una certa predisposizione a diventare vegana sin da piccola….adesso la vedo così e ne vado fiera di non conoscere molti sapori di chi amo e con cui convivo.
Durante le mie ricerche non dormii per molte notti, ero sconvolta da quanto apprendevo, piangevo e mi domandavo come mai non avessi capito prima, come mai non avessi aperto gli occhi finora su quanta sofferenza si nasconde dietro a molte pietanze apparentemente spacciate per “normali”.
Animali allevati in gabbie, massacrati, uccisi brutalmente, pulcini tritati vivi, mucche violentate, cuccioli strappati alle loro madri e lasciati morire di fame, maiali bolliti vivi…laghi di sangue…urla strazianti.
Tutti gli animali allevati vivono 1/5 della loro vita in condizioni disumane per poi trovare salvezza in una morte cruenta.
Mi sento in colpa per non averlo capito prima…mi sento uno schifo. Sto cercando di rimediare tutto il male che ho fatto ai miei fratelli. Passerò il resto della mia vita ad amarli, proteggerli, a far capire alle persone quanto stanno sbagliando a far capire quanto loro ci assomigliano…
Vivere con animali di più specie e’ un’esperienza bellissima che auguro di fare a chiunque…da loro si può solo imparare ad amare e nei loro occhi perdersi e purificarsi.

Alle mie maialine Emma e Nina e a tutti coloro che ancora si cibano di vittime…aprite gli occhi.
Serena Vecchio

2 thoughts on “Il mio passaggio a vegan

  1. So cosa provi, anche io da bambina piangevo a tavola davanti alla carne, avevo capito che non era cibo, ma pezzi di animale, che, così, non ho mai mangiato! Me la camuffavano in polpette o ragù ! Solo 10 anni fa la grande scelta, la grande luce, un nuovo significato alla mia vita! Ora la mia mission è risvegliare chi è pronto per farlo! Go Vegan ❤️

    • imusicantidibremaoasiveg il said:

      Ciao Laura! Conosco il tuo grande operato per trasmettere la filosofia Vegan e ti faccio i miei complimenti. Ti stimo molto. A te e Tullio un abbraccio di luce.
      Go Vegan!!!